Alex! Alex! ALEX!!!

Sara intervista Alex, altro membro di “Comunità Solidale NET” e mia vecchia conoscenza. Avrete probabilmente letto già suoi articoli o post…

 disabile, scrittore

1)    Fai una tua breve presentazione: anni, città, ecc

 

Risiedo nella mia città natale, ossia Grumo Appula in provincia di Bari: ho 35 anni (data di nascita 7-12-1984). Nell’ormai lontano 2003 conseguii la maturità scientifica con il massimo dei voti, avendo frequentato il liceo tramite videoconferenza, quindi mi iscrissi al corso di laurea in Matematica; ma l’Università degli studi di Bari praticamente mi respinse in quanto non mi offrì alcun servizio di tutoraggio adeguato ossia una figura idonea che, come fu durante gli anni liceali, fungesse da braccio e mi prestasse la sua voce (dato che all’epoca non avevo alcun comunicatore a puntamento oculare ma soltanto una flebile voce, ovviamente oltre ad una grande intelligenza e perseverante volontà). Preso atto di ciò, ho comunque trovato il modo di far fruttare le mie potenzialità e di farmi conoscere: dopo qualche anno infatti, con un po’ di sorpresa (pur essendo sempre stato consapevole anche delle mie abilità letterarie)  mi sono ritrovato nei panni di poeta ed ho pubblicato due sillogi (“Il mio sguardo sul mondo” e “Sulle ali della libertà”). Qualche anno fa, pur essendo stato solitamente favorevole all’istruzione statale e tradizionale, e contrario alle università telematiche, ho voluto fare una nuova esperienza (un po’ per riprovare ad affermarmi di diritto nell’ambiente accademico, un po’ per conoscere ancora sempre più persone e relazionarmi con loro, ed ovviamente anche per la mia voglia di sapere): scelsi l’Università telematica ecampus iscrivendomi al corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche. In una anno superai brillantemente cinque esami (tre 30 e due 30L), quindi decisi di abbandonare ritenendo insoddisfacente il sistema didattico e troppo basso il rapporto qualità/prezzo. Nel corso di questi anni ho partecipato a diversi concorsi letterari, classificandomi sempre tra i finalisti nonché vincendo vari premi. Nei prossimi giorni sarà pubblicato il mio terzo libro (“Tra insoddisfazione ed invenzione”). Ma non solo: da circa un anno sono anche socio onorario di “ANGELI SENZA FRONTIERE OdV”, associazione che offre servizi di assistenza sociosanitaria in tutta la Puglia ed in particolare il servizio di taxi solidale avvalendosi di Amicauto nonché una vettura appositamente attrezzata ed abbastanza grande e soprattutto sempre disponibile anche per pazienti complessi (quali le persone affette da SLA o SMA). E mi sto occupando anche di emotional o mental coaching ed infatti prossimamente intraprenderò un’importante carriera anche in tale settore con la “ROBERTO RE LEADERSHIP SCHOOL”. 

 

2)    che disabilità hai?

SMA  (atrofia muscolare spinale), diagnosticatami quando avevo soltanto 7 mesi nonché quando non era ancora nota come malattia e tanto meno definita con tale nome. Sono un paziente di terzo livello ossia con tracheostomia e PEG nonché solitamente collegato ad un respiratore.

 

3)    usi dispositivi medici di comunicazione?

Si, da circa 8 anni uso un comunicatore a puntamento oculare, sistema conosciuto anche come eyetracker, con il quale posso utilizzare tutte le funzioni di un comune computer (oltreché quella utilissima di sintesi vocale). 

 

4)    sei un talentuoso scrittore e per questo ti volevo chiedere che sensazioni provi nello scrivere? 

Mah, di solito rispondo facilmente ad ogni tipo di domanda, ma ora devo ammettere che su questo punto forse non ho mai fatto particolare attenzione. Sicuramente le sensazioni o emozioni più importanti le provo durante le esperienze da cui traggo ispirazioni per la scrittura: possono essere anche momenti o immagini che a molti sembrerebbero insignificanti ed invece io sento che stanno li perché io ne colga il senso, un insegnamento o comunque qualcosa di significativo da comunicare nonché qualcosa che si materializzi in caratteri su una pagina Word e poi magari in un libro. Sicuramente molto importante è anche il momento dell’elaborazione del testo, quindi quello immediatamente precedente all’inizio della scrittura, momento in cui ho ulteriore conferma della validità della mia intuizione primaria: è l’attimo in cui l’idea iniziale si espande, il respiro diventa più profondo in quanto l’anelito iniziale ha finalmente aria psicologica venendo maggiormente riconosciuto; e questa sensazione forse permane anche durante la scrittura unitamente ad una forte focalizzazione durante la quale il pensiero analizza e spazia valutando al contempo ogni singola parola e pesandola prima di scriverla. Sicuramente poi c’è una bella sensazione di soddisfazione ed orgoglio accanto ad un’umile meraviglia. 

fariello-libro 

5)    quale è il tuo libro preferito e perché?

Di libri ne ho letti tanti, dalla filosofia alla saggistica scientifica passando per i classici della letteratura, e sinceramente non credo di averne uno preferito: più o meno da tutti ho appreso qualcosa di importante oppure ho avuto conferma di ciò che già sapevo ovvero ho approfondito o rafforzato le mie conoscenze pregresse; qualche libro l’ho lasciato a metà (se non subito dopo l’inizio) perché troppo commerciale o comunque soltanto un passatempo. Se proprio devo citare un libro per me importante è “Il profeta” di Gibran come anche “Le operette morali” di Giacomo Leaopardi (per non parlare dello Zibaldone dello stesso poeta di Recanati, opera sicuramente più impegnativa oltreché molto luminosa): in quelle pagine infatti ci sono pensieri sempre validi, a volte disarmanti ed altre volte illuminanti. 

 

 

(fine prima parte dell’intervista; per continuare clicca qui…)

 

Il tuo nome e cognome (richiesto)

Il tuo telefono


La tua email (richiesto)

Come ci hai conosciuto?
Se ci hai conosciuto tramite un tuo amico, indica il suo nome e cognome: se lui è già un nostro assistito riceverete entrambi un BUONO ACQUISTO

Patologia della persona disabile

Oggetto

Il tuo messaggio

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

     

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>